L’hai desiderato, immaginato e aspettato. Eppure, adesso che è online, il tuo sito web non dà i risultati sperati: le vendite dell’e-commerce non decollano, le statistiche delle visite sono da rianimare e tutte le tue speranze si sono vaporizzate lì, alla trentanovesima pagina dei risultati di ricerca di Google.

Al giorno d’oggi, realizzare un sito web per la propria attività è un requisito imprescindibile, ma renderlo davvero visibile è il passo indispensabile per raggiungere obiettivi economici importanti. Il motivo è semplice: la competizione sul web si vince grazie a un’ottima visibilità e a una presenza costante, entrambe risultato di una strategia di web marketing mirata.

Come fare quindi ad ottenere più visibilità su internet? Esistono diversi strumenti, ma quello più efficace è senza dubbio Google AdWords. Ecco di cosa si tratta, come funziona e in che modo può aiutarti a vendere di più.

Cos’è Google AdWords?

Google AdWords è una piattaforma pubblicitaria che permette di promuovere la propria offerta attraverso il posizionamento non organico, cioè attraverso l’acquisto di spazi individuati da Google nella pagina dei risultati di ricerca (SERP) che gli utenti visualizzano a seguito di una ricerca specifica. L’obiettivo di una campagna AdWords è quello di apparire nei primi risultati sul motore di ricerca.

Si tratta di veri e propri annunci pubblicitari, che vengono visualizzati nei risultati di ricerca di Google tenendo conto delle parole chiave (keywords) ricercate dall’utente. In questo modo, all’utente verranno mostrati gli annunci pertinenti alla sua richiesta migliorando la sua ricerca e – d’altra parte – dando visibilità alle aziende che utilizzano il servizio.

Ok. Ma come funziona Google AdWords?

Google AdWords si basa su un meccanismo di aste online che avvengono attraverso l’inserimento dell’interfaccia AdWords, di una serie di keywords . Individuando un budget giornaliero e creando un gruppo di parole chiave in linea con i prodotti/servizi dell’azienda, offrendo una determinata cifra per ognuna di esse, si parteciperà ad una vera e propria asta online, durante la quale chi “vincerà” apparirà nelle prime posizioni dei risultati a pagamento di Google.

Le campagne Google Adwords si basano su un meccanismo di costo chiamato CPC (pay per click). Il pagamento avverrà ogni qualvolta l’utente interessato al tuo prodotto/servizio cliccherà sull’annuncio per conoscere la tua offerta. È proprio per questo meccanismo ad aste che sarà indispensabile individuare keywords pertinenti, coerenti ed efficaci.

La forza di Google AdWords risiede nell’ulteriore possibilità di creare e gestire promozioni mirate ad un determinato pubblico obiettivo. Un esempio? Individuare coloro che hanno dimostrato o stanno dimostrando interesse verso ciò che l’azienda offre attraverso le loro ricerche su Google.

Campagne Search e Campagne Display: qual è la differenza?

Le campagne AdWords si dividono in:

  • campagne rete di ricerca (search), ossia gli annunci sponsorizzati che compaiono sulla SERP del motore di ricerca Google;
  • campagne rete display, ovvero i banner o gli annunci testuali che vengono visualizzati sui siti internet che offrono spazi pubblicitari.

La differenza tra le due tipologie di annunci è ben marcata: prima di scegliere una tipologia di campagna è indispensabile comprendere e analizzare il target obiettivo.

Una volta creata la campagna pubblicitaria con Google AdWords, il monitoraggio e l’ottimizzazione saranno costanti. Ciò per far sì che la campagna renda davvero visibile i prodotti e servizi presenti sul tuo sito web ed e-commerce, spingendo l’utente all’obiettivo finale: l’acquisto online o in store.